È QUESTA L’ULTIMA GENERAZIONE?

Ultima Generazione prosegue instancabile le sue proteste a favore del green. Presenti alla cerimonia della Festa della Repubblica e sdraiati al suolo per impedire il passaggio del corteo, gli ecoattivisti han chiesto a Mattarella di creare un fondo permanente e preventivo di 20 miliardi per riparare ai danni delle catastrofi climatiche. Le azioni di disobbedienza civile nonviolenta del giovane gruppo ambientalista continuano a far parlare e a creare netti schieramenti ideologici.

La forza di Ultima Generazione risiede nella perseveranza del loro grido contro il cambiamento climatico. Una forza che si è ormai trasformata in potere collettivo. Migliaia sono, infatti, i giovani che oggi decidono non solo di scendere in piazza a manifestare, ma di farsi addirittura arrestare in virtù di una causa più grande di loro. La disobbedienza civile è lo strumento che usano per lottare non tanto per il loro stesso futuro, quanto piuttosto per quello delle nuove generazioni e per il Pianeta in generale. Insomma, una battaglia politica affinché questa non si riveli presto essere l’ultima generazione della specie umana.

“Oggi è la giornata della Repubblica disattesa”, così recita il post Instagram del 2 giugno scorso di Ultima Generazione che, mediante la provocazione, invita ad agire per un futuro più sostenibile. Un’affermazione che accusa il governo italiano di aver disatteso ogni aspettativa in tema di crisi climatica, sociale ed economica. La causa ambientalista portata avanti da UG nella teoria è ammirevole, ma la messa in pratica delle loro proteste lo è altrettanto? A partire da questo interrogativo si sviluppano opinioni fortemente divisive tra chi condanna le loro azioni e chi, al contrario, le sostiene.

A Roma, in occasione delle celebrazioni della Festa della Repubblica, quest’anno i giovani di UG han provato a interrompere il corteo sdraiandosi in via IV Novembre per impedire il passaggio del presidente Mattarella. 15 sono gli ecoattivisti che son stati poi fermati dalla polizia: “Noi siamo qua – ha spiegato uno degli attivisti – solo per chiedere protezione con un Fondo Riparazione, che possa soccorrere tutte le persone colpite anche in questi giorni, e che lo saranno sempre di più in futuro, come ci dice la scienza”. In altre parole, UG propone di introdurre in Italia un fondo finanziario di 20 miliardi per riparare ai danni che le catastrofi climatiche continuano a causare.

Il conto, che i disastri naturali e i cambiamenti climatici hanno sinora presentato all’Italia, supera il valore del PNRR (194 miliardi): dal 1980 al 2022 sono stati impiegati 210 miliardi, di cui 111 per alluvioni, siccità, incendi, ondate di caldo e di freddo. Da gennaio a maggio 2023, si sono verificati 122 eventi meteorologici e idrogeologici estremi, il 135% in più rispetto ai 52 registrati negli stessi mesi del 2022. “Gli eventi meteorologici estremi sono aumentati sia per frequenza che per intensità e si prevede che il loro numero crescerà ulteriormente in futuro, come conseguenza dei cambiamenti climatici”, questa è l’amara constatazione dello studio “Mortality from extreme meteorological and hydrogeological events in Italy: a rising health threat connected to climate change”, pubblicato su Safety in Extreme Environment.

In questo drammatico quadro, l’Italia non gode di alcun favoritismo date le sue caratteristiche geografiche e idrogeologiche. È sempre più urgente infatti intraprendere in tempi rapidi azioni preventive, prepararsi a quando anche queste risulteranno insufficienti e pensare a soluzioni per il ripristino di condizioni ambientali, sociali ed economiche sostenibili. Questa consapevolezza, che per alcune persone si traduce purtroppo in eco-ansia, è ciò che spinge con grande fervore UG nella lotta alla crisi climatica.

La peculiarità delle manifestazioni di Ultima Generazione risiede nella nonviolenza: blocchi stradali e vernice sulle opere d’arte sono strumenti con cui colpire la sensibilità, e non i corpi, di chi non vede (ancora) nel green un obiettivo sociale e politico di massima urgenza. Ultima Generazione è consapevole che oltre al contenuto sia di eguale importanza la forma: azione nonviolenta e resistenza passiva sono modi efficaci per disturbare e svegliare masse e mass media. UG riesce così a far parlare dei suoi gesti vandalici con gran facilità: raggiungere in maniera plateale l’attenzione della gente comune è il suo punto forte. Bisogna, però, andare oltre il fattore di disturbo, cioè oltre l’atto in sé, per comprendere il messaggio d’allarme di questi ragazzi.

Qui il tema diventa divisivo: mentre da una parte c’è chi, come il ministro Matteo Piantedosi, si schiera contro gli “eco-vandali”, dall’altra c’è chi invece sostiene la militanza a favore della tutela del clima e della salute. I primi tendono a presentare gli attivisti dell’ambiente come criminali (poiché, tra l’altro, con queste loro azioni, hanno accumulato provvedimenti di carattere penale e amministrativo), i secondi invece come manifestanti pacifici (così come tanti altri giovani prima di loro).

Accanto a Ultima Generazione vi è un numero crescente di persone e di associazioni che sta ponendo il green al centro dei dibattiti politici. Ad esempio, in forma diversa ma con gli stessi principi di UG, ad aprile scorso, si sono esposte 2500 donne svizzere denunciando le autorità nazionali per non aver attuato sufficienti azioni per mitigare i danni del climate change.

“Il contrasto al cambiamento climatico è un diritto umano, e la tutela della salute del Pianeta va di pari passo con la salute dell’intero genere umano”. Questo è ciò che dichiara oggi la Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu), la stessa istituzione che ha condannato la Svizzera, un paio di mesi fa (ossia dopo la denuncia delle ambientaliste), per “inazione climatica”. Si tratta di una sentenza storica, poiché per la prima volta i giudici di Strasburgo hanno legato la tutela dei diritti umani al rispetto degli obblighi sul clima: una vittoria importante non solo per le associazioni ambientaliste ma per tutti noi.

In altre parole, il fatto di non prendere misure adeguate contro l’avanzata del climate change è punito dalla Corte europea in quanto lesivo della salute e dei diritti umani. Certamente “una nuova fase”, come dichiara WWF Italia, per i contenziosi climatici contro governi ed aziende. Presente al risultato pronunciato a Strasburgo, ovviamente, anche Greta Thumberg: “Questo è solo l’inizio. In tutto il mondo, sempre più persone stanno portando i loro governi in tribunale per ritenerli responsabili delle loro azioni”.

Il messaggio di Ultima Generazione va dunque risemantizzato: imbrattare un palazzo storico o bloccare il traffico cittadino può risultare offensivo, ma mai quanto la mancata presa di coscienza da parte dei governi in tema di giustizia climatica. In un contesto in cui il clima cambia per via dei processi produttivi, pur non essenziali al capitalismo (si può infatti concepire un capitalismo delle rinnovabili), il movimento rivoluzionario di UG è tale non perché desidera rovesciare un regime politico, ma perché si proietta nel tempo della storia. È in virtù di questa sua funzione che il movimento ambientalista infatti acquista valore.

Accogliere il reale ed urgente appello di UG significa schierarsi a favore della salvezza climatica e comprendere che il climate change è una questione etica e politica e non puramente di natura ambientale. Questa è l’ultima generazione che può fare qualcosa per fermare la catastrofe.

NDT.: L’IMMAGINE DI COPERTINA DELL’ARTICOLO E’ UN FOTOGRAMMA DAL CELEBRE “QUATERMASS: RINGSTONE ROUND”, AMBIENTATO IN UN FUTURO MOLTO PROSSIMO I GIOVANI CERCANO DI RAGGIUNGERE UN ALTRO PIANETA IN UN CONFLITTO APERTO CON LE VECCHIE GENERAZIONI


SEGNALIAMO

  • Doppio sogno georgiano, di Giulio Ferlazzo Ciano

    Doppio sogno georgiano, di Giulio Ferlazzo Ciano

    Le incognite che pesano sull’inclusione della Georgia nell’Unione europee Giulio Ferlazzo Ciano Dottore di ricerca in Storia contemporanea Giulio Ferlazzo Ciano, prendendo spunto dai recenti scontri a Tbilisi contro la Legge sulla Trasparenza e l’Influenza straniera, descrive “Le incognite che pesano sull’inclusione della Georgia nell’Unione europee” che sono numerose e di varia natura, ovvero politiche,…


  • Puntare sull’Europa per salvare il capitalismo democratico e la democrazia liberale, di Carlo Rognoni

    Puntare sull’Europa per salvare il capitalismo democratico e la democrazia liberale, di Carlo Rognoni

    L’analisi di Martin Wolf ci aiuta a capire i rischi di deriva autoritaria emersi dal voto europeo Carlo Rognoni  Giornalista, ex vicepresidente del Senato, già consigliere di amministrazione della Rai  A una settimana dal voto europeo Carlo Rognoni in “Puntare sull’Europa per salvare il capitalismo democratico e la democrazia liberale” dopo aver riassunto i sei…


  • Per una nuova sovranità politica di fronte all’escalation delle guerre e allo strapotere della tecnoscienza. Ribadire lo spirito di Helsinki, di Bruno Somalvico

    Per una nuova sovranità politica di fronte all’escalation delle guerre e allo strapotere della tecnoscienza. Ribadire lo spirito di Helsinki, di Bruno Somalvico

    Podcast del 12esimo fascicolo di Democrazia futura Bruno Somalvico Direttore editoriale di Democrazia futura Il dodicesimo fascicolo della nostra rivista, l’ultimo del 2023, sebbene in larga parte predisposto sin dai primi mesi del nuovo anno, esce con grave ritardo suddiviso nelle quattro parti che ormai caratterizzano la nostra rivista trimestrale: Hermes (geopolitica), Techné (comunicazione media…


  • VOTO UE E G7

    VOTO UE E G7

    Come le lezioni Covid e Green New Deal avrebbero dovuto insegnare. Il voto UE ci dice peraltro di non sottovalutare la “svolta” intergenerazionale di giovani sotto i 25 anni che in Germania e Francia o in Belgio e Finlandia per esempio hanno votato in una quota significativa AFD o FN o Finn oppure si sono…


  • I Grandi Paesi svoltano a destra, l’Europa tiene la barra al centro, di Giampiero Gramaglia

    I Grandi Paesi svoltano a destra, l’Europa tiene la barra al centro, di Giampiero Gramaglia

    I risultati delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles “I grandi Paesi svoltano a destra, l’Europa tiene barra al centro”, così Giampiero Gramaglia riassume il voto per il rinnovo del Parlamento europeo nei 27 paesi dell’Unione. Nonostante i grossi scossoni in Francia e Germania…


  • TORINO: FESTIVAL CINEMAMBIENTE

    Il Festival CinemAmbiente 2024 è la ventisettesima edizione di una manifestazione dedicata ai film a tema ambientale, organizzata dal Museo Nazionale del Cinema di Torino. Si svolge dal 4 al 9 giugno 2024 a Torino (quest’anno anche online sulla piattaforma OpenDDB, dove una selezione dei titoli in cartellone sarà visibile in replica sul sito dell’evento,…


  • L’UOMO CHE LEGGE: MASCHIOCRAZIA

    CONSIGLI DI LETTURA DAL DIRETTORE Solo uomini seduti intorno al tavolo dove si prendono le decisioni che contano. Come è appena accaduto – per citare una recentissima polemica – con i dieci membri nominati nel nuovo board dell’AIFA, l’agenzia Italiana del Farmaco. Un’istantanea del potere che è un’eccezione? No, come raccontano Emanuela Griglié e Guido…


  • IL VOLONTARIATO “UTILE IDIOTA”? ADDIO WELFARE!

    Questa domanda non è una provocazione, ma un chiarimento: i volontari sono utili ed acquisiscono sempre più competenze e professionalità. Se assumiamo, invece, il concetto di “utile idiota” come “una locuzione di tipo generico che si riferisce a chiunque agisce a vantaggio di altri senza che il proprio merito sia riconosciuto anche istituzionalmente e non solo…


  • Fra speranza di tregua in Medio Oriente e paura dei missili in Ucraina, di Giampiero Gramaglia

    Fra speranza di tregua in Medio Oriente e paura dei missili in Ucraina, di Giampiero Gramaglia

    La situazione sui due principali fronti bellici alla vigilia del voto europeo1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Rimane sempre incerto il quadro dei conflitti nello scacchiere medio-orientale come sul fronte ucraino. Nella sua quinta corrispondenza  dedicata ai due conflitti nel fascicolo primaverile di Democrazia futura Giampiero Gramaglia…


  • L’Europa verso un voto a zig zag, di Giampiero Gramaglia

    L’Europa verso un voto a zig zag, di Giampiero Gramaglia

    Gran Bretagna vira a sinistra, Olanda a destra, Unione europea verso la conferma di Ppe e Pse.



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (61) cinema (40) civismo (45) comunismo (22) cultura (326) democrazia (38) economia (72) elezioni (54) energia (17) europa (49) fascismo (27) filosofia (26) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (29) guerra (84) intelligenza artificiale (28) italia (35) lavoro (38) letteratura (38) mario pacelli (30) media (60) milano (19) musica (115) napoli (20) politica (361) potere (199) rappresentazione (21) religione (23) roma (23) russia (25) salute (65) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (47) sinistra (18) società (372) stefano rolando (31) storia (41) teatro (28) tecnologia (20) televisione (36) tradizione (27) ucraina (35) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI