LAVORATORI CERCASI DISPERATAMENTE

Hotels near Duomo di Milano, Milan - Amazing Deals on 2,657 Hotels

POLIS, MILANO

Quello di Confcommercio è solo l’ultimo degli appelli alla politica lanciato dagli imprenditori e dalle associazioni di categoria (Mercoledi 19 giugno)

In Lombardia mancano 70 mila lavoratori per un turismo che cresce e a livelli imprevedibili, un settore capace di essere molto attrattivo per gli stranieri ma non per i lavoratori evidentemente.

Oltre agli stipendi e ai contratti poco attraenti, al costo della vita e all’inflazione superiore al livello salariale, il tema della difficolta di trovare lavoratori è sistemico, dipende dalla demografia el nostro paese e dalla difficolta con cui i governi, tutti i governi affrontano il tema della natalità e dell’immigrazione.

Il risultato è che i Italia servono lavoratori, tanti e sempre di più, e non si capisce dove andarli a prendere, visto che anche se si ricominciasse a fare tanti figli gli effetti della ripresa della natalità sarebbero visibili tra 20 anni e più. E tra i 4,5 milioni di lavoratori in Italia, non ci sono solo gli informatici e gli ingegneri, ma anche gli stagionali e i lavoratori a bassissima qualifica.

Quanti lavoratori serviranno nei prossimi 4 anni

Nei prossimi quattro anni l’Italia avrà bisogno di circa 4 milioni di nuovi lavoratori. La stima è contenuta nel rapporto Excelsior curato da ANPAL (l’Agenzia nazionale perle politiche per il lavoro) e UnionCamere, sulla base dei dati del mercato del lavoro e dei trend della demografia e dell’economia del nostro paese. Di questi 4 milioni, 1,5 dipendono dalla crescita economica legata agli investimenti sostenuti dal PNRR. Gli latri 2,5 milioni equivalgono al turnover dei lavoratori in età di pensione.

Subito dopo la pandemia gli esperti stimarono che la ripresa avrebbe riguardato soprattutto il commercio e il turismo, con una domanda di 750-860mila occupati, a seguire la finanza e la consulenza, con circa 500mila occupati. E in effetti è mandata grosso modo così. Le altre filiere interessate dalla ripresa erano la formazione, la cultura e la salute, con complessive 500mila unità. Discorso a parte per il settore delle costruzioni, alimentato dal discusso 110 per 100, 350mila lavoratori coinvolti direttamente e altrettanti nell’indotto (dati presunti).

Per quanto riguarda la Pubblica Amministrazione le cose non vanno fatto meglio: tra il 2022 e il 2026 serviranno circa 770mila nuovi dipendenti pubblici, il 90% di questi legati al turnover, 726mila, e 44mila nuove risorse necessarie a completare gli organici della PA ad oggi ancora scoperti.

Il rapporto tiene conto del PNRR e dei relativi effetti delle politiche pubbliche. Secondo ANPAL e UnionCamere i processi di transizione verde e digitale avranno un peso rilevante nel mercato lavoro e nelle competenze richieste ai lavoratori nei prossimi anni.

Interessante notare come le previsioni sull’andamento del mercato del lavoro e su come evolverà la domanda di lavoro e formazione nel breve e medio periodo si basa sull’analisi dei “fabbisogni occupazionali” delle aziende secondo modelli supportati dall’intelligenza dei computer e resi possibili proprio dalla rilevazione dei dati. Si analizzano le serie storiche, la domanda di lavoro dell’economia privata, le linee strategiche di investimento delle politiche nazionali e internazionali ed il loro potenziale impatto sull’economia, le tendenze demografiche complessive della società del nostro paese e l’età del mercato del lavoro pubblico e privato, le dinamiche della transizione digitale verso processi compatibili con l’ambiente e la progressiva automazione nel settore della manifattura e della distribuzione.

I lavoratori più ricercati sono quelli con competenze specialistiche e tecniche (1,6 milioni di occupati nel quinquennio), il 40% del totale, percentuale che negli ultimi anni è in crescita costante. Il mercato del lavoro italiano potrebbe aver bisogno di 1 milione di laureati e 1,6 milioni diplomati, due terzi del fabbisogno occupazionale del quinquennio, e di altri 1,2-1,4 milioni di lavoratori in possesso di una qualifica professionale.

Non serviranno però solo risorse in possesso di competenze digitali ma in generale sale e salirà il fabbisogno di manodopera in tutti i settori, compresi quelli a bassissima qualifica, lavoratori di cui già oggi arena, proprio a partire dall’agricoltura e dall’assistenza ai non autosufficienti: 100mila stagionali per l’agricoltura, (Coldiretti), 63mila infermieri e 80mila OSS (fonte: FNOPI).


SEGNALIAMO

  • DUE A CONFRONTO

    Sarah Lucas e Iva Lulashi due donne, due artiste contemporanee: l’una nata a Londra nel 1962, l’altra nata a Tirana nel 1988. Entrambe hanno partecipato alla Biennale d’Arte di Venezia rispettivamente: la prima alla cinquantaseiesima nel 2015 mentre la seconda a quella in corso cioè alla sessantesima del 2024. Il loro lavoro affascina e sconvolge…


  • EST FILM FESTIVAL 2024

    EST FILM FESTIVAL 2024

    POLIS Inizia domenica 21 luglio il 18° Est Film Festival, manifestazione centrale nel panorama della Tuscia Viterbese che dall’anno scorso è il centro di un progetto che coinvolge l’intero territorio del Lago di Bolsena. Allo storico festival che dal 2007 si svolge a Montefiascone si aggiungono una rassegna cinematografica sul cinema fantasy a Capodimonte e…


  • NON C’E’ POSTO RITELEFONI PIU’ AVANTI

    LISTE D’ATTESA IN SANITÀ “Non c’è posto,ritelefoni più avanti” è la risposta–disco frequente(quasi totalizzante)per chi chiede un appuntamento per una visita con il Servizio Sanitario Nazionale.In regime di solvenza la musica cambia e l’appuntamento viene fissato a breve( 41 miliardi di spesa privata per la salute ogni anno e solo il 5% dichiara di aver…


  • La Francia s’è desta, di Alberto Toscano

    La Francia s’è desta, di Alberto Toscano

    Il “fronte repubblicano” reggerà sino alle prossime presidenziali? Alberto Toscano Giornalista e scrittore già Presidente dell’Associazione della stampa estera a Parigi  Nella sua analisi per Democrazia futura del voto francese Alberto Toscano si chiede se il “Il “fronte repubblicano” che ha impedito all’estrema destra di conquistare la maggioranza in parlamento e pertanto di governare  reggerà sino alle…


  • I nuovi rapporti di forza in seno all’Unione europea, di Bruno Somalvico

    I nuovi rapporti di forza in seno all’Unione europea, di Bruno Somalvico

    Un aggiornamento a un mese dal voto sul complesso quadro dei gruppi politici in seno al Parlamento europeo Bruno Somalvico Direttore editoriale di Democrazia futura A una settimana dall’insediamento ufficiale della decima legislatura del Parlamento europeo Democrazia futura in collaborazione con IF Italia del Futuro, promuove mercoledì 10 luglio dalle 15.30 alle 18 un webinar…


  • Moldavia in cerca di un’ancora di salvezza, di Giulio Ferlazzo Ciano

    Moldavia in cerca di un’ancora di salvezza, di Giulio Ferlazzo Ciano

    Storica regione romena contesa tra sfere d’influenza, posta sull’istmo d’Europa e sulla faglia dove si incontrano (e scontrano) cultura latina e slava Giulio Ferlazzo Ciano Dottore di ricerca in Storia contemporanea “Storica regione romena contesa tra sfere d’influenza, posta sull’istmo d’Europa e sulla faglia dove si incontrano (e scontrano) cultura latina e slava” come recita…


  • RAFFAELLA CARRÀ: un ricordo

    RAFFAELLA CARRÀ: un ricordo

    Un ricordo di Giampaolo Sodano Era il 5 luglio del 2021. L‘annuncio fu dato da Sergio Japino. Nel 1990 Giampaolo Sodano era direttore della seconda rete della RAI e fu lui a far tornare in Italia Raffaella Carrà dopo l’esperienza in Spagna: “Come lei nessuno, né oggi né mai, Raffaella Carrà era la professionalità fatta persona”. “Ho…


  • TRANSILVANIA

    TRANSILVANIA

    La Transilvania è la Regione che nell’ epoca romana costituiva la parte centro-orientale della Dacia e che oggi è la regione centrale della Romania. Il nome deriva dall’ espressione latina trans-silva che significa oltre la foresta, riferita ai Monti Apuseni che fanno parte della lunga catena dei Carpazi occidentali. Con Burebista il più grande Re…


  • ALFONSO IACCARINO

    ALFONSO IACCARINO

    Dottore in Scienze dell’educazione degli adulti e della formazione continua Alfonso Iaccarino, chef e proprietario del celeberrimo ristorante “Don Alfonso 1890” a Sant’Agata sui Due Golfi (Napoli), è una figura apicale e rappresentativa della cucina italiana. La sua carriera, che dura da cinquant’anni, è ancora contraddistinta da un costante impegno per l’eccellenza, l’innovazione e la…


  • E’ TEMPO DI MELANZANE

    E’ finalmente arrivata la stagione delle melanzane. Così mi posso divertire, inventare, inciafrugliare in cucina per consumare le melanzane che l’orto mi dona in abbondanza fino al punto che … non se ne può più! Le melanzane escono prima dei peperoni così non si sovrappongono (inframezzate dagli zucchini che sembra non finiscano mai e che…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (62) cinema (42) civismo (47) comunicazione (18) comunismo (24) cultura (340) democrazia (40) economia (74) elezioni (65) europa (61) fascismo (30) filosofia (29) formazione (25) giorgia meloni (20) giovani (29) guerra (88) intelligenza artificiale (30) italia (41) lavoro (40) letteratura (43) mario pacelli (30) media (67) milano (20) musica (118) napoli (20) politica (396) potere (210) rai (18) rappresentazione (22) religione (23) roma (23) russia (26) salute (67) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (48) sinistra (19) società (407) stefano rolando (31) storia (44) teatro (29) tecnologia (20) televisione (42) tradizione (27) ucraina (37) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI