DIECI PAFFUTI BABBEI

In un’affettuosa e accorata biografia Jean Bothorel volle ricordare Louise de Vilmorin, l’amabile e amatissima donna del gran mondo francese scomparsa a Parigi nel 1969 (Jean Bothorel, Louise, ou la Vie de Louise de Vilmorin, Grasset, Parigi, 1989). Una donna meravigliosa, una donna di lettere, una donna di spirito e un’eterna ragazza, a leggere di lei e delle sue tante affettuose amicizie: Jean Cocteau, Orson Welles, gli editori Gaston Gallimard e Pierre Seghers. Malraux, che pure ebbe con lei un forte legame, la paragonò alla Pompadour per tutte le sue irresistibili doti: il fascino, il senso dell’humour, l’intelligenza, la gioia di vivere. Ella fu anche un’estrosa scrittrice, autrice, tra l’altro, de I gioielli di Madame de…, dal quale Max Ophuls trasse l’omonimo film interpretato da Vittorio de Sica.

L’Alphabet des aveux (Louise de Vilmorin, L’Alphabet des aveux, Gallimard, Parigi, 1954) invece, è il titolo di un suo volume pubblicato da Gallimard nel 1954. «È un poema composto, tra l’altro, di lettere maiuscole giustapposte, dove élègie èphémere si scrive semplicemente L E J F M R e dove le fantasie della fonetica raggiungono pure i seri giochi del sentimento …», si legge sulla controcopertina «… e Louise de Vilmorin mostra di saper imprigionare sotto le forme più difficili l’anima squisitamente sfuggente della poesia». È così che le poche maiuscole

ABI ABI

G ACI CD ME OBI

E WQ REV FUI

traducono l’inizio di una delle poesie del volume:

Abbaye, abbaye

j’ai assez cédé, aimé, obéi.

Et double vécu et réve et fui.

Un’originale dedica all’editore, «Je m’éditerai. Tu m’éditeras», dà inizio a tutte le suggestive invenzioni delle pagine successive, come quella, ad esempio, della poesia olorimica, “a tutta rima”, cioè, con due strofe di significato diverso, ma con la stessa lettura fonetica e di cui già si è detto. Un altro virtuosismo contenuto in quell’ormai raro volume anticipa quasi il Petit abécédaire illustré di Georges Perec e il Piccolo sillabario illustrato di Italo Calvino: una sola consonante per tutte le cinque vocali, insieme con gli originali disegni di Jean Hugo. DI-DA-DE-DO-DU, ad esempio, vorrà dire: «dix dadais dodus» cioè «dieci paffuti babbei!… ».

Il disegno in riquadro, di Jean Hugo, è invece un esempio di “sillabario illustrato” tratto dallo stesso volume. I soggetti rappresentati sono: les rats, les raies, le rôts, le ris, les rues.


SEGNALIAMO


NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

agricoltura (18) alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (61) cinema (40) civismo (45) comunismo (22) cultura (326) democrazia (38) economia (73) elezioni (55) energia (17) europa (50) fascismo (27) filosofia (26) formazione (24) giorgia meloni (19) giovani (29) guerra (84) intelligenza artificiale (29) italia (37) lavoro (38) letteratura (38) mario pacelli (30) media (61) milano (19) musica (115) napoli (20) politica (362) potere (199) rappresentazione (21) religione (23) roma (23) russia (25) salute (65) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (47) sinistra (18) società (374) stefano rolando (31) storia (41) teatro (28) tecnologia (20) televisione (37) tradizione (27) ucraina (35) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI