NAPOLI LIBERA!

REDAZIONE

Dopo 14 concerti in 20 giorni, piazza del Plebiscito è finalmente libera. Smontati spalti e palcoscenico di Napoli Città della Musica – Live Festival 2024.Palazzo Reale non è più oscurato da fastidiosi pali di ferro, le statue dei re di Napoli rivolgono nuovamente il loro sguardo verso la Basilica di San Francesco di Paola, la chiesa stessa non è più soffocata dalle luci dei fari e dalla confusione generata da musica e fan. Ora, in questa piazza simbolo della città, i residenti sono tornati a respirare e a dormire in serenità.

Per 20 giorni, questo luogo, emblema della storia e dell’arte del capoluogo campano, è stato vittima di una manifestazione culturale che ha portato più disagi che benefici. A poco o nulla sono servite le proteste dei cittadini indirizzate al Comune di Napoli: unico ad accettare un confronto coi cittadini adirati e a promettere maggiore attenzione per le future iniziative pubbliche è stato il Prefetto Michele Di Bari. Ben 14 concerti, voluti dal Comune e dalla Soprintendenza, e nessuna carica pubblica disposta ad ascoltare il punto di vista di chi in quei giorni ha convissuto con la confusione che una manifestazione di tale portata può generare.

La trasformazione di una delle piazze più iconiche di Napoli in una sede per eventi ha suscitato infatti non poche polemiche tra cittadini e turisti. Le statue, la Basilica e il Palazzo Reale sono stati relegati a sfondo, sminuiti dalla sovrabbondanza di istallazioni temporanee (tribune, palco e strutture pubblicitarie) e dal caos alimentato dalla musica in cassa. Quest’anno la piazza, ormai privata delle auto che un tempo la invadevano, ha ospitato non solo Renato Zero, Nino D’Angelo, Gigi D’Alessio (con ben otto spettacoli), Negramaro, Geolier, Ultimo, Gianni Fiorellino e Tropico, ma anche la conseguente ondata di degrado urbano e di disagio per le persone che abitano nei dintorni.

Piazza Plebiscito non è l’unico esempio di scelte contestabili prese dal Comune, come piazza Municipio con il suo Brand Napoli: “Qui – racconta il professor Raffaele Aragona – a seguito della vittoria da parte dell’architetto Marco Tatafiore di un concorso per la promozione di un brand della città di Napoli, vennero installati sei cubi di plexiglass, tra loro affiancati, che andavano a comporre la parola ‘Napoli’. Una lettera per ogni cubo. Sulla faccia opposta rispetto alla scritta fu scelto di riportare i simboli della città: Maradona, San Gennaro, Palazzo Donn’Anna, Pulcinella, il Vesuvio, la pizza, il babà, la vista del golfo… Bene, a causa del caldo, i pannelli del Brand Napoli hanno iniziato a sciogliersi e a deformarsi. Attualmente la piazza è occupata da questa struttura e da altrettanti pannelli scuri che delimitano lo spazio per i lavori di ristrutturazione”. Insomma, la piazza da cui è possibile vedere Castel Sant’Elmo, il Maschio Angioino e altri bellissimi palazzi napoletani è oggi diventata luogo di installazioni artistiche attrattive agli occhi dei turisti ma poco fortunate per le casse del Comune, come appunto il Brand Napoli e la Venere degli Stracci (che ricordiamo aver preso fuoco lo scorso anno per essere poi ricostruita).

Due sono le scuole di pensiero che si confrontano su questo tema: la prima, rappresentata dal Comune, e in particolare dall’assessora al turismo Teresa Armato, sostiene l’organizzazione di eventi di massa anche nelle piazze più rilevanti di Napoli e promuove manifestazioni culturali di vario genere; la seconda, invece, invoca una maggiore attenzione nella scelta degli spazi pubblici per gli eventi, affinché ogni iniziativa possa svolgersi nel contesto più appropriato.

In questi giorni piazza Plebiscito è tornata alla sua consueta quiete, e il frenetico tumulto di giugno appartiene ormai al passato. La magnificenza della piazza è di nuovo evidente ed invita passanti e visitatori a godere della sua bellezza senza più distrazioni. La città sembra poter finalmente tirare un sospiro di sollievo, restituendo ai suoi cittadini e ospiti il piacere di ammirare uno degli scorci più suggestivi di Napoli e riprendendo il suo ritmo naturale.


SEGNALIAMO

  • Biden-Trump, dopo l’attentato al Tycoon la partita è chiusa?, di Giampiero Gramaglia

    Biden-Trump, dopo l’attentato al Tycoon la partita è chiusa?, di Giampiero Gramaglia

    Al via la Convention repubblicana1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Giampiero Gramaglia nell’ultimo contributo del 14esimo fascicolo di Democrazia futura dedicato alla campagna per le elezioni presidenziali statunitensi del novembre 2024,  a poche ore dall’avvio della Convention repubblicana si chiede se, nello scontro  fra i due candidati rivali “Biden-Trump, dopo…


  • Parlamento europeo, von der Leyen in bilico, voti Meloni chiave, utili o letali, di Giampiero Gramaglia

    Parlamento europeo, von der Leyen in bilico, voti Meloni chiave, utili o letali, di Giampiero Gramaglia

    Mentre la maltese Roberta Mesola è stata riconfermata presidente del Parlamento europeo1  Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Il quindicesimo fascicolo di Democrazia futura si apre con un articolo di Giampiero Gramaglia dedicato alla prima sessione dei lavori della decima legislatura del Parlamento europeo. Titolo e occhiello: “Parlamento europeo, von…


  • Sotto il suo stretto controllo, di R. Geist e G. Mazzone

    Sotto il suo stretto controllo, di R. Geist e G. Mazzone

    In Slovacchia il governo scioglie la televisione pubblica per creare una nuova emittente di Stato Radovan Geist Giornalista slovacco presso Euractiv Giacomo Mazzone Direttore responsabile Democrazia futura 17 luglio 2024 L’accelerazione impressa dal governo Fico nonostante i moniti della Commissione europea È finita. L’assassinio della radiotelevisione pubblica slovacca si è consumato il primo luglio 2024,…


  • I mali (europei) della Francia, di Salvatore Sechi

    I mali (europei) della Francia, di Salvatore Sechi

    Salvatore Sechi Docente universitario di storia contemporanea Un’analisi della situazione finanziaria in cui versa la Francia, caratterizzata dall’ingente mole del debito pubblico quella che Salvatore Sechi descrive nel suo articolo “I mali (europei) della Francia”, in questa settimana di trattative convulse alla ricerca di una nuova maggioranza in parlamento nel tentativo di formare un nuovo governo tenendo conto…


  • Déjà vu, di Guido Barlozzetti

    Déjà vu, di Guido Barlozzetti

    Una scena americana Guido Barlozzetti Conduttore televisivo, critico cinematografico, esperto dei media e scrittore Una scena americana. Guido Barlozzetti cerca di inquadrare una scena già vista tante volte nell’immaginario degli Stati Uniti, un déjà vu per nulla banale ma che si ripropone regolarmente in un Paese dove si usano troppo facilmente le armi non solo…


  • ANTI-RIFORMA PER UNA GIUSTIZIA LENTA …

    ingiusta, asimmetrica e inefficiente: per quale democrazia? L’ anti-riforma della giustizia é legge dello Stato. Da oggi saremo più lenti e ingiusti, anche perché meno dotati di risorse utili per realizzare ciò che verrebbe promesso. L’esatto opposto di quel che ci saremmo potuti aspettare per mitigare le antiche furbizie italiche avendo svuotato il codice penale…


  • Trump ferito in attentato, un morto, sparatore ucciso, di Giampiero Gramaglia

    Trump ferito in attentato, un morto, sparatore ucciso, di Giampiero Gramaglia

    Cronaca a caldo e foto di un evento destinato a pesare sulla campagna elettorale1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Trump ferito in attentato, un morto, sparatore ucciso Così Gramaglia – in una cronaca a caldo – fotografa  un evento destinato a pesare sulla campagna elettorale per le…


  • LO SPETTRO DI UN CONFLITTO MONDIALE

    È nel presente che si scopre la forza profetica di un autore e della sua opera. La crisi in Ucraina, sulla quale incombe ormai lo spettro raggelante di un conflitto mondiale, induce a rileggere Democratic Ideals and Reality, il breviario geopolitico di Halford J. Mackinder. Lascia sgomenti l’aderenza allo stato attuale delle cose che si…


  • NON C’E’ POSTO RITELEFONI PIU’ AVANTI

    LISTE D’ATTESA IN SANITÀ “Non c’è posto,ritelefoni più avanti” è la risposta–disco frequente(quasi totalizzante)per chi chiede un appuntamento per una visita con il Servizio Sanitario Nazionale.In regime di solvenza la musica cambia e l’appuntamento viene fissato a breve( 41 miliardi di spesa privata per la salute ogni anno e solo il 5% dichiara di aver…


  • L’EVOLUZIONE GEOPOLITICA E GEOSTRATEGICA DEL MEDITERRANEO: DAL SECONDO DOPOGUERRA A OGGI

    Il ruolo del Mediterraneo nella geopolitica e nella geostrategia Parte II Sotto il profilo strettamente geopolitico e geostrategico, il “Mediterraneo allargato”, felice definizione creata dallo Stato Maggiore dell’Esercito italiano, che include non solo la geografia fisica, ma anche quella umana, ha subìto una profonda evoluzione, dal secondo dopoguerra a oggi. Agli inizi, il Mediterraneo registrò…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (62) cinema (42) civismo (47) comunicazione (18) comunismo (24) cultura (340) democrazia (40) economia (74) elezioni (65) europa (61) fascismo (30) filosofia (29) formazione (25) giorgia meloni (20) giovani (29) guerra (88) intelligenza artificiale (30) italia (41) lavoro (40) letteratura (43) mario pacelli (30) media (67) milano (20) musica (118) napoli (20) politica (396) potere (210) rai (18) rappresentazione (22) religione (23) roma (23) russia (26) salute (67) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (48) sinistra (19) società (407) stefano rolando (31) storia (44) teatro (29) tecnologia (20) televisione (42) tradizione (27) ucraina (37) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI