LEONARDO MANZAN

(un nuovo linguaggio per un teatro nuovo)

Leonardo Manzan, Leonardo Manzan, Leonardo Manzan ……. potrei continuare all’infinito perché il Manzan ha tanta stima di sé che non riesce a frenarsi quando si tratta di menzionarsi per auto glorificarsi.

A parte questa mia ironia assolutamente bonaria considero questo personaggio davvero speciale quale innovatore del teatro contemporaneo e di tutti gli eventi culturali.

Nella sua ultima performance, al teatro India di Roma, l’artista si è presentato ad un vasto pubblico, peraltro assetato di scoprire qualcosa di nuovo e di valido nel teatro, come una statua (oserei dire greca) su di un piedistallo così come mamma l’ha fatto.

Del resto qualcuno prima di Lui aveva dichiarato che qualsiasi cosa messa su di un piedistallo diventava automaticamente “un’opera d’arte”, la citazione, come di sicuro avrete capito, si riferisce all’artista degli anni ‘60 Piero Manzoni che elesse ad opera d’arte la sua merda che una volta racchiusa e selezionata in scatoletta e posizionata su di un piedistallo lo diventò.

Devo dire che qualche anno fa, trovandomi a Milano in concomitanza di una mostra dedicata proprio a Piero Manzoni a Palazzo Reale, potei constatare di persona quella verità. Infatti, entrando in una sala detta delle “Cariatidi”, mi imbattei in un cilindro di plexiglass alto circa due metri, illuminato solo da un led, alla cui metà scorsi la fatidica scatoletta che da sola primeggiava nella sala più importante del museo. La profezia si era avverata!

Il malcapitato pagò di persona il suo oltraggio in quanto tale fu considerata questa sua bizzarria tanto che fu condannato per vilipendio ma poi assolto.

Tornando al nostro Leonardo, io ho assistito con piacere alla suddetta performance. Finalmente dopo tante delusioni teatrali – ero reduce dalla rappresentazione di “Ciarlatani” al Teatro di Roma – ecco un teatro attivo in fieri lì davanti ai miei occhi insieme a tanti che come me hanno apprezzato non solo il coraggio dell’attore di mostrarsi letteralmente nudo e crudo in pubblico, ma anche la sua verve ironica e satirica. Ciò ci ha permesso di entrare nella sua intimità non soltanto spirituale ma anche fisica, un grande atto di umiltà e di condivisione che ci ha trasformato da pubblico a corpo allertando tutti i nostri sensi. L’inizio è stato divertente, a tutti sono state consegnate delle cuffie che, una volta indossate, hanno trasmesso la sua voce pacata e suadente che ci ha accompagnato per tutta la durata della performance rendendoci così partecipi, uno per uno, delle sue considerazioni sui nostri atteggiamenti quotidiani.

Egli si è posto tante domande: la prima è stata “che cos’è un’opera d’arte?” Una domanda questa che si presta a tante risposte ma la sua (domanda) non esigeva una risposta bensì, a sua volta, ne poneva un’altra. Prendendo in esame, ad esempio, la banana (Comedian) di Cattelan considerato oggi il rampollo della famiglia degli artisti italiani il Manzan si è posto il dilemma “cosa volesse rappresentare con quell’opera” e se, lui Cattelan, “era un’artista perché esisteva la banana oppure era la banana, da lui immortalata con lo scotch alla parete, che esisteva grazie a Cattelan”.

Questo enigma si avvicina all’altro che spesso ci poniamo “è esistito prima l’uovo o la gallina o viceversa”. Lascio a voi eventuali considerazioni sul caso, io non so rispondere! Andando avanti nella narrazione, il bravo Leonardo ha toccato sempre, con leggerezza e savoir faire, tutti i punti più importanti della nostra società attivando con la sua sagacia e intelligenza le nostre sinapsi cerebrali che, subito, hanno risposto all’invito con gran fervore.

Egli era accompagnato in questa performance da una dolce fanciulla che sottolineava, a tempo dovuto, teatralmente parlando, ogni sua considerazione con esternazioni quale ad esempio mangiare la banana con la buccia assumendo volutamente atteggiamenti facciali che facevano apprezzare il suo sforzo orale provocando così ilarità. Ma il punto più eclatante è stato quando la bella ancella (riferimento greco) è salita su di uno sgabello per essere all’altezza della pseudo statua e ha incominciato a frizionare la folta chioma del Manzan con un cotton fioc imbevuto di una soluzione magica il tutto scandito dal trillo di un orologio che segnava inevitabilmente l’orario fissato per la cura dell’alopecia.

Credetemi la cosa è stata esilarante, ancora una volta, l’intelligenza aveva colto nel segno, la ripetitività e la compunzione che caratterizza i nostri gesti quotidiani era stata messa a nudo; infatti, in alcuni momenti io mi sono sentita più nuda della statua in quanto, colta in flagrante, mi sono riconosciuta come colei che viene soggiogata dalle innumerevoli vessazioni pubblicitarie.

Il finale è assolutamente travolgente. Come nella leggenda, raccontata all’inizio dallo stesso Manzan, dello scultore che voleva diventare il più bravo e, per questo, come gli era stato consigliato dagli dèi, era salito su di un piedistallo, così l’ancella ha ballato intorno alla statua con un ritmo quasi liberatorio per Lui e per un pubblico ormai in delirio.

Potrei parlare ancora tanto ma il mio dire per quanto dettagliato non potrebbe renderebbe appieno le emozioni che in me si sono alternate.

Pertanto vi consiglio di correre a teatro ogni volta che il Manzan propone un suo spettacolo!


SEGNALIAMO

  • ALLA RICERCA DEL NUOVO (TEATRO)

    “Teatro dal latino theatrum ovvero guardare, essere spettatore” La Biennale Teatro quest’anno si è svolta dal 15 al 30 giugno 20 24 a Venezia. I curatori Stefano Ricci e Gianni Forte hanno scelto artisti e opere da presentare a coloro che hanno a cuore il teatro e che fiduciosi si apprestano a ricevere notizie interessanti…


  • IL TEATRO COMICO NEL PERIODO FASCISTA*

    Roma, 24 giugno 1935: al Teatro Capranica si svolge un concorso di canzoni in dialetto romanesco in occasione della festa di San Giovanni. Ottiene grande successo una canzone, “Faccetta nera”, inizialmente in dialetto, autore del testo Giuseppe Micheli.La musica è del maestro Mario Ruccione ma la paternità è presto rivendicata da un comico, Gustavo Cacini,…


  • UNA PIÈCE DI STAMPO PIRANDELLIANO

    UNA PIÈCE DI STAMPO PIRANDELLIANO

    La vicenda, in breve, tratta di una compagnia teatrale itinerante che porta in giro la propria professionalità attoriale con grandi ristrettezze …


  • UNA MANCATA “SEDUTA”

    UNA MANCATA “SEDUTA”

    Teniamo presente che l’autore è norvegese ed è contemporaneo; i paesi scandinavi sempre neutrali volti sempre al benessere del proprio popolo


  • COME L’ARABA FENICE

    COME L’ARABA FENICE

    I personaggi del dramma sono nove, essi si ritrovano in una casa di campagna ognuno con le proprie mansioni a servizio di un vecchio professore che ha sposato una giovane avvenente moglie. Tutti portano in scena le loro testimonianze di vita che man mano diventano delusioni e amarezze del vivere sociale. La loro vita è…


  • COSI’ NON È (SE VI PARE)

    COSI’ NON È (SE VI PARE)

    Pirandello non ha bisogno di spiegazioni in modo particolare per questo tipo di performance laddove si lascia allo spettatore la piena libertà di interpretazione a cominciare dal titolo stesso dell’opera.


  • IL SAINETE OVVEROL’INFLUENZA ITALIANA SUL TEATRO ARGENTINO

    IL SAINETE OVVEROL’INFLUENZA ITALIANA SUL TEATRO ARGENTINO

    Ed è proprio il sainete lo spazio privilegiato dello stereotipo. Vennero creati vari personaggi quali: il tano (aferesi di napoletano, che in seguito si riferirà all’emigrante italiano in generale), il quale andò a costituire uno degli assi portanti del teatro popolare;


  • CURZIO MALAPARTE

    CURZIO MALAPARTE

    Corte di Assise di Chieti, 22 marzo 1926: si celebra il processo contro cinque persone (Amerigo Dumini, Albino Volpi, Giuseppe Viola, Augusto Malacria e Amleto Poveromo) imputati di aver ucciso il 10 giugno 1924 a Roma il deputato socialista Giacomo Matteotti. Tra i testimoni a difesa citati da Roberto Farinacci, Segretario del P.N.F. e avvocato…


  • LA SERA DELLA PRIMA

    La sera del debutto, in teatro, è sempre entusiasmante, l’atmosfera che si crea è elettrizzante e molto contagiosa, quasi un “virus benevolo” che contagia anche gli spettatori, ma soprattutto gli attori che scalpitano come cavalli al nastro di partenza che non vedono l’ora di iniziare la loro corsa., nel caso specifico, la loro entrata in…


  • UN REQUIEM PER ENZO

    UN REQUIEM PER ENZO

    Enzo Moscato non solo un nome non sono un attore drammaturgo non solo un uomo ma soprattutto un simbolo un riscatto sociale ottenuto con impegno sacrificio e grande rispetto per le proprie idee. Se n’è andato in silenzio in punta di piedi educatamente come era solito fare; i mass media, che tanto si impegnano per…