LA DISCRIMINANTE È IL SOVRANISMO

Circa 360 milioni di cittadini europei sono stati chiamati alle urne per eleggere i 705 deputati del Parlamento europeo: è la decima volta che accade, ma è la prima volta che andiamo a votare con la minaccia di una guerra.

I primi 24 anni del XXI Secolo sono stati segnati in Europa da una ondata di emergenze: gli attacchi del terrorismo, le crisi dell’economia, l’esplosione della pandemia, le deflagrazioni delle guerre; oltre ai problemi dell’immigrazione e del cambiamento climatico. Ora è certamente vero che la politica non ha sempre saputo dare risposte efficaci; ma sappiamo anche che non era facile darle. Soprattutto perchè viviamo immersi in una fase di transizione dalle economie tradizionali (agricola, industriale, finanziaria) alla economia digitale. Un passaggio drammaticamente segnato nel mondo occidentale dalla più grave delle crisi, la crisi del pensiero.

Le promesse di soluzioni semplici a problemi complessi e l’istinto di seguire i pifferai sono le basi del successo di populisti e sovranisti: come se il ritorno al passato fosse una ricetta per rendere più digeribile il presente. Così devono aver pensato quegli elettori che due anni fa hanno votato per una formazione politica che si rifà ad una drammatica esperienza politica del primo novecento o che, durante questa campagna elettorale, si sentono sicuri celebrando un leader comunista del secolo scorso oppure mettendo nel simbolo del proprio partito il nome del fondatore morto.

In definitiva abbiamo assistito ad una campagna elettorale dove si è parlato di tutto un po’ meno che del mandato da dare ai rappresentanti del nostro Paese nel Parlamento europeo.

E’ evidente che in queste condizioni ciò che ci attende è una vasta diserzione dal voto. Ed è difficile dar torto a quanti non vanno a votare vista la miserevole qualità delle proposte e del nostro personale politico.

Ma la forza delle cose ci impone di svegliarci!

L’Unione europea deve avanzare sulla via dell’integrazione, deve approfondire la propria coesione, deve diventare GLI STATI UNITI D’EUROPA.

Ci deve essere un nucleo di Paesi più coesi e più compatti che proceda sul terreno della politica estera e della difesa. Per l’Italia, la sfida, come già ai tempi dell’euro, è di essere nel nucleo forte.

La discriminante è il sovranismo: tra chi, cioè, capisce che la difesa della sovranità avviene conferendo più sovranità all’Unione europea e chi difende un’idea di Europa delle piccole Patrie, ciascuna sovrana, ma impotente e irrilevante.


SEGNALIAMO

  • DUM ROMAE CONSULITUR, SAGUNTUM EXPUGNATUR

    DUM ROMAE CONSULITUR, SAGUNTUM EXPUGNATUR

    Annibale stava provocando Roma in attuazione del suo progetto di conquista. Così, mentre a Roma non si sapeva che pesci pigliare e si continuava a discutere sul da farsi, Annibale prendeva Sagunto e la distruggeva. Fu questo l’innesco della seconda guerra punica, che durò ben sedici anni, finché sotto il comando di Scipione l’Africano l’esercito…


  • LA NUOVA PRESIDENTA DEL MESSICO E LA LOTTA AL NARCOTRAFFICO

    LA NUOVA PRESIDENTA DEL MESSICO E LA LOTTA AL NARCOTRAFFICO

    La tornata elettorale presidenziale che si è tenuta il 2 giugno in Messico ha suscitato un notevole interesse e non solo per il fatto che per la prima volta i competitori con più probabilità di successo erano due donne; a suscitare interesse infatti vi sono stati anche i programmi che le due candidate proponevano su…


  • Fra speranza di tregua in Medio Oriente e paura dei missili in Ucraina, di Giampiero Gramaglia

    Fra speranza di tregua in Medio Oriente e paura dei missili in Ucraina, di Giampiero Gramaglia

    La situazione sui due principali fronti bellici alla vigilia del voto europeo1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Rimane sempre incerto il quadro dei conflitti nello scacchiere medio-orientale come sul fronte ucraino. Nella sua quinta corrispondenza  dedicata ai due conflitti nel fascicolo primaverile di Democrazia futura Giampiero Gramaglia…


  • QUALE E QUANTA DIFESA?

    QUALE E QUANTA DIFESA?

    Quale e quanta difesa e Occidente divisi nel campo NATO attorno al Dnepr? Serve unità per la gestione di un equilibrio multilaterale complesso e disordinato con più Europa e non meno.I tanti motivi per votare in una tornata storica Il tema di grande momento e divisivo del campo occidentale sulla faglia del Dnepr (come di…


  • FAME


  • In Ucraina e a Gaza, i due conflitti si inaspriscono, di G. Gramaglia

    In Ucraina e a Gaza, i due conflitti si inaspriscono, di G. Gramaglia

    Verso sterili show diplomatici1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Nel suo consueto aggiornamento sulla situazione sui due fronti bellici dell’ultima settimana – una fra le più drammatiche della storia recente – Giampiero Gramaglia osserva da un lato come “In Ucraina e a Gaza, i due conflitti si inaspriscono”…


  • Rafah senza viveri, Netanyahu e i leader di Hamas ricercati, di G. Gramaglia

    Rafah senza viveri, Netanyahu e i leader di Hamas ricercati, di G. Gramaglia

    Mentre l’attacco su larga scala di Israele a Rafah potrebbe essere imminente1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Consueto aggiornamento di Giampiero Gramaglia sugli sviluppi della situazione medio-orientale. Nel suo pezzo scritto il 22 maggio “Rafah senza viveri, Netanyahu e i leader di Hamas ricercati dalla CPI” l’ex direttore dell’Ansa…


  • Storia della macchina di inimmaginabile distruzione in Gaza, di Cecilia Clementel-Jones

    Storia della macchina di inimmaginabile distruzione in Gaza, di Cecilia Clementel-Jones

    Come funzionano i meccanismi operati dal pensiero unico sui due conflitti in corso.


  • Medio Oriente in bilico tra intesa e attacco

    Medio Oriente in bilico tra intesa e attacco

    Ucraina, Putin s’insedia, complotto anti-Zelen’skyj1 Giampiero Gramaglia Giornalista,co-fondatore di Democrazia futura, già corrispondente a Washington e a Bruxelles Secondo Giampiero Gramaglia che si tratti di Onu, G7, Unione europea o Nato, per la diplomazia della pace siamo entrati in questa prima decade di maggio nuovamente in una fase di stallo, per cui come l’ex direttore dell’Ansa intitola la sua analisi scritta l’8 maggio il “Medio…


  • IRAN E RUSSIA, COSA VOGLIONO?

    IRAN E RUSSIA, COSA VOGLIONO?

    È come se ci trovassimo nel pieno di un terremoto, le faglie e le zolle di terra stanno cambiando posizione in una sorta di deriva dei continenti.