IL NEOSCHIAVISMO E LA VERGOGNA DEI SILENZI

Come raccontava in modo molto azzeccato e allo stesso tempo amaramente vero Enrico Mentana, l’Italia è divisa tra due forme di razzismo. Un razzismo che potremmo definire etnico, di chi non vuole che persone di culture e colorazione della pelle diversa dalla nostra si integrino nel tessuto sociale nazionale. E un’altra forma più “utilitaristica” portata avanti in modo subdolo e forse incosciente da una parte del centro-sinistra, cioè l’accoglienza dei migranti subordinata al fatto che c’è una mancanza di manodopera, che ci sono lavori che gli italiani non vogliono più fare e che quindi deleghiamo a dei diseredati senza diritti.

Non sono mancate in passato anche delle speculazioni elettorali sul tema, Toni Iwobi (Lega) e Abubakar Soumahoro (Europa Verde). Due facce della stessa medaglia, una quota sempre maggiore di immigrati, che esistono, ci sono, lavorano, ma che facciamo finta di non vedere. un po’ per vergogna, un po’ perché ci ricordano un passato che vorremmo dimenticare, fatto di nonni e bisnonni che si spaccavano la schiena nei campi. E ancora, perché ci ricorda di quanto siamo impotenti difronte al fenomeno dell’immigrazione, che aldilà delle facilonerie elettorali, “dei blocchi navali” e del razzismo aggratis è un qualcosa che non si può fermare e di cui sempre di più saremo investiti negli anni a venire.

Ma se il fenomeno di per sé non può essere fermato alla fonte, quanto meno si può provare ad agire a valle, cioè garantendo a tutte queste persone che scappano da condizioni di vita terrificanti, di non trovarsi in una situazione addirittura peggiore. Ma appunto, questi sono diventati solo dei punti di propaganda elettorale, un modo di regalare qualche poltrona e di mettersi la coscienza a posto per qualche giorno.

Il problema principale che si fa finta di affrontare quando si parla di gestione dei flussi migratori riguarda gli hotspot, quei luoghi che dovrebbero servire ad accogliere temporaneamente i migranti per poi essere distribuiti nei vari comuni italiani e oltre frontiera, grazie ai trattati europei sulla gestione dell’immigrazione. Gli hotspot che sono presenti attualmente nel territorio nazionale, principalmente nel sud ( 4 siti divisi tra Sicilia e Puglia) sono insufficienti per accogliere la grande mole di persone che sbarcano. Ne fu un caso emblematico lo sbarco di circa 6000 persone nel settembre del 2023 a Lampedusa, a fronte però di un centro di accoglienza che ne poteva accogliere 400. Questo affollamento unito con la pessima gestione rende questi centri più simili a dei campi di concentramento che a dei centri di accoglienza. Non sono mancati servizi giornalistici che mostravano come all’interno di questi lager mancassero, come era anche ovvio, i più basilari servizi igienici e sanitari.

I risultati a questo punto sono due, molti migranti riescono a fuggire dai centri, si disperdono e cercano di raggiungere il nord Italia e in generale i paesi dell’Europa settentrionale e centrale. Parte di questi (cifra imprecisata) vengono incorporati in quel meccanismo perverso che è il caporalato. Una forma di feudalesimo moderno, una gerarchia che si radica a livello locale nelle aree agricole del Sud, del centro e come manodopera per l’edilizia al nord, che sevizia e schiavizza i migranti, che diventano parte di questo meccanismo che si auto alimenta. Il caporalato si accresce anche attraverso associazioni umanitarie o presunte tali, il caso della moglie di Soumahoro ne era un esempio tristemente evidente. Questo meccanismo, che vive grazie a tali associazioni, prende il nome di “SAI” Sistema Accoglienza e Integrazione.

la causa dell’incidente di Latina, che ha comportato la morte del bracciante indiano Satnam Singh, ha nomi e cognomi. Ed è solo che la punta dell’iceberg di un fenomeno che va avanti da almeno 13 anni. Ha lasciato di stucco per altro l’imprenditore agricolo, il “padrone” (agghiacciante dover sentire ancora queste terminologie nel 2024) che ha scaricato le responsabilità di quanto accaduto sul bracciante dicendo che è stata “una sua leggerezza”. Una vicenda che ci racconta di imprese agricole in mano a sfruttatori senza scrupoli, con le mani sporche di sangue che ormai vive di lavoro nero sottopagato complice un sistema di mancati controlli, di complicità e omertà.

Capisco che suoneranno come le solite parole al vento. Ma è importante parlarne, non possiamo lasciare che un velo di silenzio si sommi all’indignazione da social.

In questi giorni si è parlato delle tracce per gli scritti di maturità, cui io stesso mi sono imbattuto per l’esame. Ecco, sarebbe bello che oltre Pirandello, Montalcini, i Selfie-blog in futuro si possa inserire una traccia anche sulla condizione di queste persone, sulla perversione di questo modello di sviluppo che è più diffuso di quanto si possa immaginare.


SEGNALIAMO

  • FATTI E OPINIONI

    FATTI E OPINIONI

    C’è l’illusione generalizzata in chi fa politica che una massiccia comunicazione possa risolvere ogni problema.Che una buona campagna di informazione permetta di recuperare uno svantaggio iniziale.Non è cosi semplice!Ad esempio non è  stato così per il governo in occasione della disgrazia di Cutro.Bisogna sempre ricordarsi che in circostanze cosi drammatiche l’autorità che parla per prima…


  • IL CIELO SOPRA TORINO 2

    VITE VISSUTE TRA DUE MONDI: PATRICK EUGENIA PAGANO E’ un sabato pomeriggio e la mia amica Vanda insieme a Patrick mi aspettano seduti ad un tavolino del bar Patria in piazza Castello a Torino ed essendo in lieve ritardo parcheggio vicino al marciapiede per non perdere ulteriore tempo scendo veloce dall’auto li raggiungo. Abbraccio e…


  • IL CIELO SOPRA TORINO STORIA DI CARLO

    EUGENIA PAGANO Ero al caffè Torino seduta ad un tavolo insieme ad Angela, un medico in pensione e sorseggiando un tè caldo parliamo di argomenti vari nonché della mia ricerca di storie particolari da raccontare, e a tale proposito le chiedo se il figlio medico di ritorno dall’Afghanistan fosse disponibile a rilasciare un intervista. Angela,…


  • IL NEOSCHIAVISMO E LA VERGOGNA DEI SILENZI

    Come raccontava in modo molto azzeccato e allo stesso tempo amaramente vero Enrico Mentana, l’Italia è divisa tra due forme di razzismo. Un razzismo che potremmo definire etnico, di chi non vuole che persone di culture e colorazione della pelle diversa dalla nostra si integrino nel tessuto sociale nazionale. E un’altra forma più “utilitaristica” portata…


  • L’UOMO CHE LEGGE: I MESSAGGERI …

    CONSIGLI DI LETTURA DAL DIRETTORE Un libro sugli expats, seconda generazione e abruzzesi d’adozione Ci sono due fattori rilevanti per quanto riguarda gli abruzzesi all’estero: la perdita d’identità regionale tra i figli degli oriundi emigrati e l’aumento degli expats. Il termine emigrato è oggi obsoleto, molti giovani italiani si considerano invece expat, “espatriati”, in qualità di…


  • L’ITALIANITÀ IN ARGENTINA

    L’ITALIANITÀ IN ARGENTINA

    i nostri connazionali non condividevano tra loro una lingua standard comune – in quanto si trattava in gran parte di povera gente, non scolarizzata, proveniente dalle campagne con ciascuno il proprio dialetto – l’italiano non ha mai prevalso sullo spagnolo nonostante l’altissimo numero di italofoni in Argentina.


  • LA STORIA DI AFRIN

    Per raggiungere il pullman che ci avrebbe portati a Istanbul ci muoviamo a piedi sempre nel solito modo nascosti di giorno e in cammino di notte tra alberi fitti, cespugli senza poter vedere dove metterei piedi, facendo soltanto attenzione a non perdere la fila perché nessuno si ferma per cercarti e sarebbe la fine. Finalmente…


  • LA STORIA DI MARIA

    IL CIELO SOPRA TORINO 8 Eugenia Pagano Le luci di artista tornano a rallegrare le vie della città e a creare l’atmosfera natalizia nelle fredde giornate di Dicembre e le persone si affrettano a comprare i doni da mettere sotto l’albero. Anche io, insieme alla giovane Alessandra, una mia figlioccia, passeggio nelle strade del centro…


  • LA STORIA DI SHIMA

    IL CIELO SOPRA TORINO 5 EUGENIA PAGANO E’ un piacevole pomeriggio di fine Settembre e mi reco al parco fluviale del Valentino insieme a Noa e Bil, figli di una cara amica. Sono bimbi felici ed educati ed è piacevole trascorrere del tempo in loro compagnia. Sui verdi prati ci sono fanciulli che giocano a…


  • LETTERA DAL MAROCCO SULLE MIGRAZIONI

    LETTERA DAL MAROCCO SULLE MIGRAZIONI

    IL BIGLIETTO DA VISITA DI STEFANO ROLANDO SEGNALIAMO



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (62) cinema (42) civismo (47) comunicazione (18) comunismo (24) cultura (340) democrazia (40) economia (74) elezioni (65) europa (61) fascismo (30) filosofia (29) formazione (25) giorgia meloni (20) giovani (29) guerra (88) intelligenza artificiale (30) italia (41) lavoro (40) letteratura (43) mario pacelli (30) media (67) milano (20) musica (118) napoli (20) politica (396) potere (210) rai (18) rappresentazione (22) religione (23) roma (23) russia (26) salute (67) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (48) sinistra (19) società (407) stefano rolando (31) storia (44) teatro (29) tecnologia (20) televisione (42) tradizione (27) ucraina (37) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI