ALLA RICERCA DEL NUOVO (TEATRO)

Teatro dal latino theatrum ovvero guardare, essere spettatore

La Biennale Teatro quest’anno si è svolta dal 15 al 30 giugno 20 24 a Venezia.

I curatori Stefano Ricci e Gianni Forte hanno scelto artisti e opere da presentare a coloro che hanno a cuore il teatro e che fiduciosi si apprestano a ricevere notizie interessanti circa il nuovo di cui il teatro ha tanto bisogno.

Ho partecipato alla inaugurazione dell’apertura del cinquantaduesimo Festival Internazionale del teatro Niger et Albus tenutosi presso il padiglione 30 di Forte Marghera in presenza dei curatori Ricci/Forte e rappresentanti del Comune di Venezia nonché della compagnia vincitrice del Leone d’argento Gob Squad.

Nella circostanza è stata presentata dagli stessi artisti una video installazione dal titolo Elephants in Rooms per favorire un momento di aggregazione tra gli astanti e soprattutto quale riferimento al lavoro con il quale sono risultati vincitori. Nel padiglione sono stati installati 14 schermi come altrettante finestre aperte sul mondo; i componenti la Squad insieme ad altri artisti provenienti dalla Cina e dall’India hanno voluto mettere a nudo i loro sentimenti e pensieri che spesso noi nascondiamo per il pudore di esprimere le nostre intime sensazioni. Il pubblico, messo a suo agio anche perché invitato a bere un tè durante la visita della mostra, ha gradito molto questa sollecitazione e il risultato è stato la creazione di una libera e socievole partecipazione. Lo spettacolo è stato poi presentato al Teatro Piccolo Arsenale con il titolo Creations (Pictures for Dorian) una variazione sul tema del testo di Oscar Wilde. I curatori hanno motivato l’assegnazione del premio a questa compagnia per la loro capacità di far interagire il pubblico con gli attori così da tirarlo nella performance rendendolo attivo e partecipe. Il risultato di questa messa in scena si è rivelato un po’ obsoleto; infatti il pubblico lo ha dimostrato con un applauso espresso in modo garbato e rispettoso, ma senza entusiasmo.

L’applauso, si sa, è sovrano!

Per quel che mi riguarda devo ammettere che sono rimasta un po’ delusa, in verità mi aspettavo proposte più innovative; il teatro necessita di radicali cambiamenti sia nella scelta dei testi, sia nella trasformazione attoriale che, inevitabilmente, deve essere a passo con i ritmi e i tempi odierni.

Tra i vari spettacoli presentati ho trovato pressoché interessante quello del vincitore della sezione under 35 del giovane Ciro Gallorano della Biennale College Teatro. Lo spettacolo intitolato Crisalidi rispecchia il tempo che stiamo vivendo, già nel titolo stesso allude ad una rinascita e alla ricerca di una via d’uscita dal tunnel infernale la dove ci siamo ritrovati.

Inquinamento, disagio sociale, perdita di punti di riferimento con la conseguente sfiducia in tutti i settori della nostra vita quotidiana. La pièce fa riferimento alla vita di Francesca Woodman icona della storia della fotografia che morì a soli 23 anni gettandosi da un grattacielo di New York- La crisalide tenta di uscire dal suo stato imprigionata in una casa cubo che nonostante i vari tentativi non riesce a sfondare. Il finale è piuttosto scuro come l’atmosfera che accompagna tutta l’opera durante il suo svolgimento, la crisalide infatti non riesce nel suo intento di divenire farfalla perché muore imbrigliata in una bacheca che ad un certo punto si ammanta di una nube polverosa

E’ questo il futuro?

A questo è destinato il teatro?

Speriamo che con il tempo le cose possano maturare e la rinascita possa verificarsi sia in tutti i nostri ambiti fisici e morali sia nel teatro che altro non è se non l’alter ego nella nostra vita!


SEGNALIAMO

  • IL PUPO (NON) DI ZUCCHERO

    IL PUPO (NON) DI ZUCCHERO

    Assistere ad uno spettacolo teatrale che ha come tema la morte può suscitare qualche perplessità, a volte però non è così “mortale” (perdonate il gioco di parole) come si presuppone. L’argomento si può affrontare anche poeticamente, con leggerezza ed humor sadico strappando anche qualche risatina agli spettatori. Ciò è accaduto recentemente in una pièce teatrale…


  • GIGI PROIETTI, DAL CAVALIERE NERO A SHAKESPEARE

    GIGI PROIETTI, DAL CAVALIERE NERO A SHAKESPEARE

    GIANCARLO GOVERNI Chissà perché ripensando agli sketch e alle innumerevoli occasioni di risate che ci ha offerto nella sua lunga, direi enorme carriera, di Gigi Proietti mi è tornata alla mente la barzelletta del cavaliere nero e del cavaliere bianco, una barzelletta come un’altra che lui aveva fatto diventare quasi un atto unico e che…


  • IL MIO RICORDO (MOLTO IMMAGINARIO) DI NATALE IN CASA CUPIELLO

    IL MIO RICORDO (MOLTO IMMAGINARIO) DI NATALE IN CASA CUPIELLO

    GIANCARLO GOVERNI Ero bambino quando lo vidi la prima volta. Fu una iniziazione al teatro. Anche oggi se mi si chiede il titolo di un’opera teatrale da dire senza pensarci su mi viene: Natale in casa Cupiello. Quell’uomo bambino che vive nel suo mondo di fantasia e di favola rappresentato dal presepio mentre nella sua…


  • LOUISE LEVÊQUE DE VILMORIN E L’ALPHABET DES AVEUX

    LOUISE LEVÊQUE DE VILMORIN E L’ALPHABET DES AVEUX

    RAFFAELE ARAGONA Certamente non sono nuove le sorprese della lingua francese in tema di omofonie. In quella lingua intere composizioni possono essere costruite in modo da significare cose distinte. Anche composizioni in versi pur conservando la medesima pronuncia. Louise Levêque de Vilmorin (1902-1969), scrittrice pregevole (tra l’altro le si deve la sceneggiatura di Les Amants, il…


  • CARMELO BENE. LA DISTRUZIONE DEL TEATRO

    CARMELO BENE. LA DISTRUZIONE DEL TEATRO

    Queste le parole d’inizio del necrologio di Bene alla notizia della morte del suo migliore amico/rivale Vittorio Gassmann. Due prime donne, due duellanti, due innamorati di se stessi che si contendevano le tavole del Teatro detestandosi e lodandosi reciprocamente alla ricerca di una risposta saliente alla loro ragion d’essere.


  • ROMEO CASTELLUCCI, BROS: LA DIDASCALIA DEL MALE

    ROMEO CASTELLUCCI, BROS: LA DIDASCALIA DEL MALE

    La scena che ne scaturisce è apocalittica: azioni efferate che rimandano a situazioni ancestrali, a tempi lontani, stratificati nel nostro essere umani appartenenti ad un’unica specie, ad un’unica radice che ci accomuna nostro malgrado.


  • BROS DI ROMEO CASTELLUCCI – POST SCRIPTUM

    Caro lettore, mi vorrei soffermare nuovamente sulla pièce di Romeo Castellucci BROS (Brothers) di cui ho già parlato nel precedente articolo. Sento la necessità di parlarne ancora per mettere in risalto alcuni suoi aspetti che mi hanno particolarmente colpita tralasciando un po’ le sue opere precedenti che ho già trattato e che, forse, mi hanno…


  • METEORA DRAGHI

    METEORA DRAGHI

    La Meteora Draghi, rappresentazioni del potere a cura di Stefano Rolando


  • PROIETTI: LA REGIA NON C’È

    Proietti era naturalmente dotato di spirito teatrale, quello che non dev’esser finto o vero, naturalistico o epico, perché gli basta nutrirsi solo del sangue vivo che scorre, da secoli, nelle vene dei grandi uomini di scena. E dire che tanti acidi maestri d’Accademia lo hanno giudicato sempre troppo popolare!


  • BORDERLINE

    BORDERLINE

    In bilico tra due mondi, sospesi tra il vecchio e il nuovo siamo così in balia di noi stessi, di una società che ci vuole sempre attivi, superiori, capaci di destreggiarci nelle situazioni siano esse ambientali o non, con coraggio e spirito di abnegazione: stiamo per crollare! HELP! I segnali emessi sono tanti, gli SOS…



NUOVE USCITE HERAION

IN LIBRERIA

E-BOOKS


TAGS DEL MAGAZINE

alimentazione (31) ambiente (29) amministrazione (21) arte (62) cinema (42) civismo (47) comunicazione (18) comunismo (24) cultura (340) democrazia (40) economia (74) elezioni (65) europa (61) fascismo (30) filosofia (29) formazione (25) giorgia meloni (20) giovani (29) guerra (88) intelligenza artificiale (30) italia (41) lavoro (40) letteratura (43) mario pacelli (30) media (67) milano (20) musica (118) napoli (20) politica (396) potere (210) rai (18) rappresentazione (22) religione (23) roma (23) russia (26) salute (67) satira (20) scienza (21) scuola (27) seconda guerra mondiale (48) sinistra (19) società (407) stefano rolando (31) storia (44) teatro (29) tecnologia (20) televisione (42) tradizione (27) ucraina (37) violenza (19)



ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI